Hash to hash, dust to dust

(No, non è un errore ortografico.)

Oggi mi sentivo molto commit order-preserving conflict serializable; mi sentivo di poter evitare qualsivoglia non-repeatable read e di saper gestire senza troppe latenze anche uno strong-strict two-phase lock. I miei B+-Tree crescevano rigogliosi, senza il minimo overhead sulla foglia destra, sfruttando appieno i 101 (si, 101, cifra tonda) block buffer. Mi sentivo di poter popolare (più che ammobiliare, quello non sono capace) intere dataware house, perché con le chiavi, primarie o erroneamente secondarie che siano, non ho di certo problemi. E mi sentivo di poter gestire con sicurezza e professionalità tutte le dimensioni degeneri del caso, senza il minimo supporto di viste create ad hoc. Il query planner, inoltre, era pronto a fare le sue scelte euristiche, senza confondere indici con meno rispettosi medi.

Però, su quel foglio, non ho veramente idea di cosa diavolo ci abbia scritto.



Scrivi un commento



» Torna al Blog «




English Translation